La Storia

La Riforma Protestante

Verso la fine del XV secolo la Chiesa Cattolica, pur al culmine di una forte espansione della arti del Rinascimento, che avevano reso Roma veramente splendente da un punto di vista esteriore, era caduta in basso, come mai prima d'alllora, a causa delle ricchezze, del nepotismo (favoritismi fatti dall'alto clero ai propri parenti) della corruzione, dell'immoralità, della mondanità, del materialismo, degli abusi del sistema delle indulgenze. Tra le altre cause vi furono cambiamenti come le conoscenze geografiche, la scoperta di nuove terre, mutamenti economici che introdussero una nuova e favorevole epoca commerciale, trasformazioni sociali che accettavano i passaggi di classe e i cambiamenti intellettuali che chiedevano un confronto tra Chiesa medievale e nuovo testamento.
Gia nel XIV secolo alcuni membri della Chiesa di Roma, chiamati poi precursori della Riforma, cercarono di riportare la chiesa alla genuinità dei costuni dei primi cristiani, basata essenzialmente sugli insegnamenti evangelici.
Il rifiuto della Chiesa di Roma di accettare qualsiasi tipo di riforma, segnò la rottura che portò alla riforma protestante.

Lutero e la Riforma in Germania

Martin Lutero nacque in germania nel 1483, entrato in un monastero agostiniano, divenne presto insegnante di Teologia. Inviato a Roma venne a contatto con la corruzione, il lusso della Chiesa romana. Quando tornò in patria si scontrò con lo scandalo della vendita delle indulgenze e si rese conto del bisogno di una riforma.

Trasferito a Wittenberg nel 1512 divenne professore di Antico e Nuovo Testamento e sviluppò l'idea che solo la Bibbia fosse degna di avere la vera autorità. Fu convinto che solo la fede in Cristo potesse renderci giusti grazie a questo versetto biblico:
“..poichè in esso la giustizia di Dio è rivelata da fede a fede, com'è scritto : “il giusto per fede vivrà” Romani 1:17


Da allora i punti principali del suo sistema teologico divennero la giustificazione per fede e il “sola scriptura”, l'idea cioè che l'unica autorità per i peccatori alla ricerca della salvezza fossero le Scritture.

Il 31 ottobre 1517 Lutero appese alla porta della chiesa del castello di Wittenberg le sue novantacique tesi con cui condannava gli abusi del sistema delle indulgenze e si dichiarava pronto ad un confronto.
Nel giugno del 1520 papa Leone X emanò la bolla “Exurge Domine” che portò alla scomunica di Lutero , ma Lutero la bruciò.

Carlo V, emise un editto che ordinava la sua consegna alle autorità. Per salvarlo il principe di Sassonia lo fece condurre nel castello di Wartburg, dove potè tradurre in tedesco il Nuovo Testamento, avvalendosi dell'edizione greca di Erasmo da Rotterdam.
Alla dieta di Spira del 1526 i principi, seguaci di Lutero, ottennero di seguire la fede prescelta e poterono instaurarla nel loro stato, consentendo così il diffondersi della riforma.

Le chiese evangeliche comprendono le chiese nate dalla "Riforma" e dai successivi movimenti di risveglio.